La Campania una regione tutta da scoprire

Una terra di emozioni e cultura.

La Campania è una regione davvero tutta da scoprire. Chi non è mai stato in Campania, non sa ancora cosa si è perso, una regione fatta di gente felice anche se non sempre le cose vanno per il verso giusto. Una terra di emozioni, piena di vita e di calore umano. Non manca davvero nulla, mare, montagna, cultura e manifestazioni folcloristicheUn posto davvero incantevole e ricco di storia e tradizioni, dove trascorrere splendide vacanze e ritornare a casa diverso da prima.

La Campania, la porta per l’Italia Meridionale

Subito dopo il confine laziale si entra come d’incanto nell’Italia Meridionale. Una regione la Campania prevalentemente collinare  che confina con il Lazio, Il Molise, la Puglia, e la Basilicata, ed è interamente bagnata ad ovest dal Mar Tirreno. E’ tra le regioni più popolate d’Italia sia per numero che per densità con i suoi quasi 6 milioni di abitanti ed ha come capoluogo di provincia Napoli.

La Campania una regione tutta da scoprire
La Campania Costiera Amalfitana

Un territorio fertile ricco di sorgenti e fiumi

In realtà il nome Campania significa “campo pianeggiante”; le pianure coprono solo il 14% del territorio contro il 51% di colline ed il 35% di suolo montuoso, ma le sue terre sono  particolarmente fertili aiutate sia dal clima, che soprattutto nelle zone costiere è molto mite e gradevole, che dalla presenza di circa 6000 sorgenti e numerosi fiumi ad acqua perenne che fanno della Campania la regione del Mezzogiorno più ricca di acque.

Storicamente la Campania è stata occupata da vari popoli a cominciare dagli Osci nel XI secolo A.C. fino ai Borboni, passando nei secoli attraverso i Greci, i Romani, gli Etruschi, i Longobardi, i Sanniti, i Sarrasti.

Inizialmente questi popoli si insediarono sulle coste per via del clima mite e della possibilità di commercializzare con le navi,  facendo sorgere città come Napoli, Cuma, Pozzuoli, Sorrento, Paestum,ecc…
Successivamente essi si spinsero pian piano anche nelle zone interne e collinari dove poterono sfruttare le terre fertili e la possibilità di difendersi dagli attacchi nemici costruendosi castelli e roccaforti sugli altipiani che sormontavano le valli, come ad esempio la Valle del Sarno e tante altre.

I fiumi e i laghi più belli

Tra i fiumi principali ci sono il Volturno (175 km ) che ha come affluente principale il Calore Irpino che proviene dai Monti Picentini; il Sele ( 65 km ) che invece riceve durante il suo corso le acque del Tanagro proveniente dal Vallo Del Diano. Altri fiumi minori sono il Sarno, il Picentino ed il Tusciano che pur essendo brevi hanno una cospicua portata d’acqua sia in estate che in inverno.

Tra i laghi campani da menzionare invece abbiamo il Patria, il Fusaro, il Misero ed il Lucrino che sono separati dal mare mediante cordoni sabbiosi. Il bellissimo lago d’Averno situato nei Campi Flegrei sorto su di un cratere vulcanico ed il lago Matese situato sugli altipiani interni, formatosi in una depressione carsica.

Oltre a Napoli che è il capoluogo, ci sono altre quattro province in Campania e sono Benevento, Avellino, Caserta e Salerno.

La Campania una regione tutta da scoprire
Gli scavi di Pompei in Campania

Ognuna di queste ha monumenti parchi, ville e luoghi assolutamente da visitare e soprattutto tradizioni locali che da secoli e secoli attirano turisti e curiosi in queste terre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.